logo-news-town

“Il 16 aprile c’ero perché era giusto esserci, perché chi fa politica ha il dovere di appoggiare, sempre, le ragioni del territorio. C’ero con tutti quelli che in maniera giusta o sbagliata ci mettono la faccia; c’ero, a differenza di quanti sono rimasti a guardare con diffidenza sospetta verso tutto e a prescindere, perché convinto che con i giusti distinguo, tra chi ha aumentato a dismisura il proprio fatturato nel post sisma e chi invece ha avuto danni reali, sul campo della restituzione delle tasse si possa condurre una battaglia di giustizia”……………………….

……..continua a leggere su NEWSTOWN