logo-news-town

Ha superato in pochi minuti le 500 firme la petizione lanciata da un gruppo di cittadini aquilani su Change con lo scopo di raccogliere il maggior numero di adesioni in favore della prosecuzione del Festival della Partecipazione nella città in cui è nato, a L’Aquila.

“Alcune incomprensioni ed incertezze nel contesto locale potrebbero causarne un trasferimento in altra città. Le associazioni organizzatrici prenderanno a breve una decisione su questo punto”, spiegano i promotori. “La città dell’Aquila sta attraversando un delicato e complicato processo di ricostruzione, che interessa gli elementi fisici ma anche lo sviluppo urbano, economico, sociale, culturale. I mutamenti indotti dal sisma mettono al centro temi come l’assetto urbanistico, la mobilità, l’organizzazione e la qualità del sistema dell’istruzione, l’assistenza sanitaria, che hanno implicazioni dirette sulla nostra vita privata e sulla sfera pubblica. Hanno implicazioni dirette nel modo in cui, come cittadini, ci rapportiamo con le istituzioni”………………………

……..continua a leggere su NEWS TOWN

Logo-abruzzo-web

L’AQUILA – “Prima le ripetute, false, rassicurazioni fornite agli organizzatori, poi lo sgarbo istituzionale consumato con la sua intenzionale assenza a tutti gli eventi organizzati, infine una nota piccata, pretestuosa e misera di contenuti per sancire definitivamente la sua contrarietà al Festival della Partecipazione. L’atteggiamento ostruzionistico di Biondi sull’organizzazione di questo evento, per quanto incomprensibile possa apparire, è ormai noto”.

Lo dice in una nota il capogruppo del Partito democratico al Consiglio comunale dell’Aquila Stefano Palumbo.

“Ho evitato di far polemica prima, consapevole di quanto sarebbe stato poco opportuno inquinare il clima di una manifestazione di respiro nazionale e non voglio farla oggi con il sindaco, che chiede, non avendo la capacità di capirlo da solo, quali siano i vantaggi che il Festival della Partecipazione reca al territorio, in risposta oltretutto ad un’associazione che non ha chiesto banalmente solo più soldi, ma un contributo intellettuale da parte dell’amministrazione”…………………………………..

……..continua a leggere su ABRUZZO WEB

logo-news-town

“Dal 1° dicembre è possibile fare richiesta per accedere al reddito d’inclusione; si tratta di uno strumento davvero importante, moderno, competitivo e, soprattutto”.

Così la senatrice Stefania Pezzopane che, stamane, ha tenuto una conferenza stampa per presentare la nuova misura contro la povertà “approvata dal Parlamento su proposta del Partito Democratico – ha tenuto a sottolineare – con l’opposizione delle forze di centrodestra, del Movimento 5 Stelle e di Sinistra Italiana”.

“Abbiamo ritenuto di dovere andare avanti, e abbiamo fatto bene: in pochi giorni, il reddito d’inclusione sta già mostrando la sua attrattività e chi l’ha bistrattato, oggi, se ne sta facendo persino proponente”, la stoccata della senatrice dem.

L’Italia scontava un’arretratezza enorme dal punto di vista degli strumenti per le categorie più svantaggiate: per anni si è discusso di reddito d’inclusione, reddito di cittadinanza e di altri strumenti; “il ritardo andava……………………..

……..continua a leggere su NEWSTOWN

Logo-abruzzo-web

L’AQUILA – “Aprire un confronto sull’impiego di questi fondi che mettono finalmente il Comune dell’Aquila nelle condizioni di approvare il bilancio di previsione entro l’anno e che, riteniamo, rappresentino una grande opportunità per far fronte a diverse criticità”.
Lo chiede il gruppo del Partito democratico al Consiglio comunale dell’Aquila a proposito dei 10 milioni di euro assegnati all’ente nella legge di bilancio dello Stato.
“È nostra convinzione che sia il comparto sociale a dover essere il principale destinatario di queste risorse”, si legge in una nota, “si possono, anzi si devono…………………………………………………………

……..continua a leggere su ABRUZZO WEB

logo-news-town

Il Piano sociale d’ambito 2017 – 2018 va portato in Consiglio comunale e approvato entro il mese di settembre, pena la perdita di circa 850.000 euro l’anno di finanziamenti regionali.

A dirlo è il capogruppo Pd in Consiglio comunale, Stefano Palumbo. “Si tratta di un provvedimento fondamentale per dare risposte e sostegno ai settori più fragili della nostra comunità”, ha aggiunto. “L’immobilismo preoccupante che sta caratterizzando l’attività del Consiglio comunale, chiamato dall’attuale amministrazione a discutere dall’insediamento ad oggi due sole delibere, diventa ingiustificabile nel caso di provvedimenti già predisposti dalla precedente amministrazione e pronti per essere discussi in aula………………

……..continua a leggere su NEWSTOWN